Pieris brassicae

Foto: O. Casnati

Foto: O. Casnati

La cavolaia maggiore è generalmente molto comune e diffusa. Inoltre, grazie alle sue ottime qualità di volatore ha grandi capacità dispersive e riesce facilmente a migrare attraverso lunghi bracci di mare. Non meraviglia quindi che questa specie si possa incontrare in tutte le sette isole maggiori dell’Arcipelago Toscano. Il maschio si distingue chiaramente dalla femmina per l’assenza di macchie al centro delle ali anteriori. Le larve si nutrono di molte brassicacee (cavoli, cime di rape, broccoli) e spesso risultano dannose alle coltivazioni.

Vola dall’inizio della primavera fino a tutto l’autunno in almeno tre generazioni. Lungo il santuario la si può incontrare molto frequentemente soprattutto nella pineta.

Link utili per questa specie:
www.leps.it