Melitaea didyma

Foto: P. Mazzei

Foto: P. Mazzei

Si ritrova frequentemente in un’ampissima area continentale che va dal Nord Africa fino alla Cina, ma è riuscita a colonizzare soltanto poche isole Mediterranee. All’Elba è comune in alcune aree aperte e vola in due generazioni, da aprile a settembre. La femmina è simile al maschio, ma se ne distingue per il colore di fondo delle ali anteriori più smorto e per le macchie nere un po’ più sviluppate. Come la specie precedente si nutre, allo stadio larvale, di moltissime piante tra cui piantaggine e veronica.

Non è mai stata osservata nell’area del santuario, ma è comune poco più a valle.

Link utili per questa specie:
www.leps.it