Hipparchia aristaeus

Foto: O. Casnati

Foto: O. Casnati

Hipparchia semele e Hipparchia aristaeus rappresentano uno dei temi di studio preferiti per gli studiosi di farfalle europee. Infatti, per la tendenza a formare popolazioni insulari con caratteristiche morfologiche e genetiche differenziate, queste farfalle hanno subito una sorta di “accanimento scientifico”. Hipparchia semele è presente in Europa continentale e in Sicilia nei pressi dello stretto di Messina mentre H. aristaeus è distribuita in Sardegna, Corsica, Capraia, Elba, Giglio e Gorgona, ma specie simili vivono in Sicilia, Nord Africa, nelle isole campane e in sud Italia. La distribuzione delle specie del gruppo di H. aristaeussembra quindi ricalcare quella di Maniola jurtina jurtina, di Pyronia cecilia e Pyronia tithonus suggerendo che queste specie possano aver avuto analoghe storie di colonizzazione. Predilige gli ambienti aperti dove si trovino grandi pietre su cui ama posarsi, mettendo in mostra quasi esclusivamente i colori mimetici della pagina inferiore delle ali. Le pagine superiori sono brune con una banda marginale arancione che porta, vicino all’apice delle ali, due macchie simili a occhi. La femmina ha anche ampie aree arancio al centro delle ali che la differenziano esteriormente dalla femmina di H. semele. La larva si nutre di graminacee.

Vola da giugno fino a metà ottobre con una sola generazione. E’ facile incontrarla posata sulle pietre del sentiero che percorre il santuario.

Link utili per questa specie:
www.leps.it